Youtube Twitter Facebook
english stampa segnala segnala Skype
profili - ricercatori - pietro polotti - biografia

Ricercatori

- bio
Pietro Polotti - Biografia


Sito: visualsonic.eu/

E-mail: polotti@iuav.it

Pietro Polotti si è formato musicalmente, studiando pianoforte, composizione e musica elettronica rispettivamente nei Conservatori di Trieste, Milano e Venezia, dove ha conseguito i tre relativi diplomi. Si è inoltre laureato in fisica all’Università di Trieste con il massimo dei voti. Nel 2002, ha ottenuto un titolo di Ph.D. in Sistemi di Comunicazione presso l’EPFL (Ecole Polytechnique Fédérale de Lausanne, Svizzera) con una tesi nell’ambito della quale ha sviluppato un nuovo metodo per la sintesi del suono basato sulle trasformate wavelet e denominata Fractal Additive Synthesis - Relatori, Gianpaolo Evangelista, Martin Vetterli.
Nel 2001, è stato visiting researcher per due mesi presso il Music and Technology Group dell’Università Pompeu Fabra di Barcellona, Spagna.
È stato docente di corsi di laurea presso il Politecnico di Milano, l'Università di Trieste e il Conservatorio di Como e di corsi di perfezionamento presso la Scuola Civica di Musica di Milano.
Attualmente, insegna Musica Elettronica presso il Conservatorio “G. Tartini” di Trieste. Collabora inoltre con l’Università di Verona come sound designer nell’ambito del progetto di ricerca europeo NIW (Natural Interactive Walking − www.niwproject.eu) ed in precedenza è stato parte, sempre con Verona, del progetto europeo CLOSED (Closing the Loop Of Sound Evaluation and Design − closed.ircam.fr). Recentemente, è  stato anche membro del gruppo di ricerca di Interazione dell’Università IUAV di Venezia, con cui ha fondato il Gamelunch Group (www.soundobject.org/BasicSID/Gamelunch). In passato, è stato impiegato dal Politecnico di Milano come parte del progetto europeo TAI-CHI (Tangible Acoustic Interfaces for Computer Human Interaction − www.taichi.cf.ac.uk), nell’ambito del quale ha lavorato su metodi acustici in-solido per la localizzazione e la caratterizzazione di eventi di contatto mirati alla realizzazione di interfacce uomo-macchina fisiche, per applicazioni musicali e non solo.
Nel 2008 è stato per un mese visiting researcher presso l’IRCAM, dove ha coordinato un progetto di ricerca circa l’impiego di principi e tecniche della retorica nel sound design per l’interazione uomo-macchina, in collaborazione con il Perception and Sound Design Team di quell’istituto (trac.sme-ccppd.org/SID/changeset/764).
È autore e co-autore di più di trenta pubblicazioni tra articoli su riviste internazionali e atti di conferenze internazionali. È inoltre attivo come compositore di musica elettroacustica.
In generale, nel corso degli ultimi anni, i suoi interessi si sono spostati dall’elaborazione digitale del suono e dalla musica acusmatica verso il sonic interaction design e le arti interattive incentrate sul suono. Nel 2008, ha iniziato con Maurizio Goina il progetto EGGS (Elementary Gestalts for Gesture Sonification − www.visualsonic.eu) sulla rappresentazione del gesto attraverso il suono, con finalità sia artistiche che didattiche e terapeutiche.
 

Aggiornato a 05/2010