Youtube Twitter Facebook
english stampa segnala segnala Skype
profili - interpreti - direttori - tito ceccherini - biografia

Direttori

- bio
Tito Ceccherini
Tito Ceccherini - Biografia
Milano, 1973

E-mail: titoceccherini@risognanze.it

Strumenti: Direzione

Nato a Milano nel 1973, ha compiuto gli studi musicali presso il conservatorio «G. Verdi» sotto la guida di Giovanni Carmassi (pianoforte), Alessandro Solbiati (composizione) e Vittorio Parisi (direzione d'orchestra). Ha proseguito gli studi in Russia, Germania ed Austria, perfezionandosi sotto la guida di Peter Eötvös (alla Hochschule di Karlsruhe), Sandro Gorli e Gustav Kuhn. Appassionato interprete di musica del nostro tempo, ha collaborato intensamente con compositori come Hugues Dufourt, Ivan Fedele, Philippe Hurel, Salvatore Sciarrino. Fra le numerose prime assolute, degne di nota sono l'esecuzione postuma di Sette di Niccolò Castiglioni, la recente produzione in prima assoluta dell'opera Superflumina di Salvatore Sciarrino al Nationaltheater di Mannheim, e La Cerisaie di Philippe Fénelon al Boshoi Theatre e all’Opéra de Paris. Ha fondato l'ensemble Risognanze, prestigiosa formazione ad organico variabile, con cui ha affrontato capolavori del repertorio cameristico moderno da Debussy ai nostri giorni, ed ha effettuato numerose registrazioni (Sciarrino, Castiglioni, Grisey). Un profondo interesse per la musica antica lo ha portato a collaborare con gruppi come il finlandese Rocinante e l’italiano Arcomelo, che affrontano il repertorio del Sei e Settecento su strumenti d'epoca. La sua attività concertistica lo ha portato a dirigere prestigiose orchestre come la BBC Symphony londinese, SWR di Stoccarda, la Tokyo Philharmonic, l'Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI (con cui ha anche registrato un CD monografico dedicato a Giacinto Scelsi, un cofanetto dedicato alla produzione sinfonica di Salvatore Sciarrino ed ancora musiche di Daugherty e Nyman), la Deutsche Radio Philharmonie, Orchestre de Chambre de Genève, l'Orchestra del Teatro La Fenice, l’Orchestra Sinfonica di Milano “G.Verdi”, la OSI di Lugano la Haydn di Bolzano ed ensemble rinomati come il Klangforum Wien, Contrechamps, OENM, il Divertimento Ensemble, in sedi prestigiose e Festival internazionali (Suntory Hall di Tokyo, Philharmonie Hall di San Pietroburgo, Schwetzingen Festspiele, Münchner Biennale, Strasbourg Musica, Cité de la Musique).  Ha un ampio repertorio operistico che, partendo dall’Alessandro di De Majo (1765), attraversa il Belcanto italiano (I Puritani di Bellini, Maria Stuarda di Donizetti, etc.) e Strauss (Guntram, Ariadne auf Naxos) fino a numerose prime assolute (Sciarrino, Fénelon), che ha diretto in teatri quali Opéra de Paris, Bolshoi Theatre, Grand Théâtre de Genève, Nationaltheater di Mannheim, Teatro Bellini di Catania. I principali impegni futuri lo vedranno debuttare al Théâtre du Capitole de Toulouse, Festival d’Automne a Parigi con la Frankfurt Radio Orchestra, Orchestre National de Montpellier, GUNMA Symphony Orchestra, così come ritornare all’Opéra de Paris, OSI di Lugano. Nell’agosto del 2012 farà il suo debutto al Festival di Lucerna dirigendo il nuovo progetto Pollini Perspectives con il Klangforum Wien, Neue Vocalsolisten e Maurizio Pollini. Il progetto sarà successivamente presentato alla Suntory Hall, Salle Pleyel.  Ha effettuato incisioni discografiche per Amadeus, Col legno, Kairos, Stradivarius, acclamate da critica e pubblico, ed insignite con premi come Choc di Le Monde de la Musique, e Diapason d'Or; l’incisione del Lohengrin di Sciarrino per Col legno è stata premiata al Midem Classical Awards nella sezione opera. Ha svolto attività didattica in Europa ed in Giappone. E' membro dal 1995 dell'Accademia di Montegral. Insegna presso il Landeskonservatorium di Innsbruck, dove è titolare della cattedra di direzione d'orchestra ed esercitazioni orchestrali, e collabora con il Conservatoire National Supérieur de Musique et de Danse de Paris.

Aggiornato a 2012